Autore: Staff Il Paretaio

We help frightened riders to deal with fear also motivating them

Settimane equestri per ragazzi

Nella seconda metà di giugno sono previste due settimane equestri per ragazzi dagli 8 ai 16 anni non accompagnati!

Ecco di seguito i dettagli:

Date: seconda metà del mese di Giugno.

Fascia di età: 8 – 16 anni

Prezzi:  € 950,00 per 1 settimana – €  1.800,00 per 2 settimane

Attività equestre: da lezioni per principianti assoluti a lezioni di preparazione all’attività agonistica sia per dressage che per salto ostacoli (si può partecipare col proprio cavallo).

Inglese: le lezioni di equitazione e molte altre attività possono essere svolte, a richiesta, in inglese anche con madrelingua inglese.

Corso di Circo: tenuto da insegnanti professionisti della Scuola di Circo di Torino. Consideriamo questa attività un  importante complemento allo sviluppo delle capacità di coordinazione e di equilibrio nonché un ottimo mezzo per accrescere il proprio livello di autostima. Attività: Giocoleria – Trapezio – Ginnastica acrobatica. Il corso di Circo è facoltativo (da pagare in loco, separatamente dal costo della settimana).

Per maggiori informazioni potete inviarci una mail all’indirizzo info@ilparetaio.it

lezioni di equitazione al Paretaio Toscana

Ho imparato tantissimo sui cavalli in una sola settimana al Paretaio

Ho sempre amato i cavalli ma non ero mai riuscita a farlo come sport regolare perchè abitando a Milano in centro la cosa non era così agevole dal punto di vista logistico. L’autunno scorso però mi sono levata la voglia di cavalli trascorrendo una piacevolissima vacanza al Paretaio, in Toscana. A parte il luogo e la casa incantevoli (ancora più belli di come li avevo visti nelle foto) e l’atmosfera veramente calda e famigliare devo dire che il corso di equitazione mi ha veramente colpito. In 12 lezioni (due al giorno per 6 giorni) ho imparato tantissimo. Avevo come esperienza solo qualche sporadica passeggiata in montagna e in Camargue e dunque siamo partiti proprio da zero ma alla fine della settimana sono riuscita ad affrontare il mio primo galoppo e a fare una passeggiata tranquilla e in sicurezza.
Le lezioni sono state accuratissime e le prime 6 lezioni erano individuali mentre le altre le ho condivise con un’altra ospite che aveva un po’ più di esperienza e ciò è stato trainante. Mi hanno fatto fare tantissimi esercizi diversi (prima al passo e poi al trotto) per ottenere l’equilibrio in sella senza la necessità di aiutarsi con le redini. Mi hanno anche fatto capire quale è la logica di addestramento di un cavallo, quali sono le sue reazioni a certi stimoli e il perchè. Ho apprezzato molto lo spirito di collaborazione che fin dall’inizio chiedono all’allievo di instaurare con il cavallo premiando sempre l’obbedienza e l’ascolto. Ho avuto anche la fortuna di vedere Cristina e Gianni che montavano e in quel momento ho capito quanto è forte e intimo il loro rapporto con i cavalli: sembrano un corpo unico col cavallo che montano. Una cosa che mi è piaciuta molto è che dopo le lezioni c’è sempre un accurato feed back e l’insegnamento è sempre sorretto da uno spirito di grande incoraggiamento.Mi è capitato di avere dei dubbi e ho sempre avuto risposte e accurate spiegazioni o da Cristina e Gianni o da altri membri dello staff o dagli ospiti stessi che avevano molta esperienza. Non vedo l’ora di tornare e mi incoraggia molto il fatto che durante la mia settimana ho incontrato una persona che frequenta Il Paretaio da molti anni e che monta solo durante quella settimana che trascorre in questo centro ed è diventato veramente un bravo cavaliere.
Maria Rosa N.
Milano

Galoppo canter dressage a Il Paretaio in Tuscany

Come vincere la paura del galoppo

Come vincere la paura del galoppo.

Al nostro Centro di Equitazione Il Paretaio abbiamo un’esperienza di insegnamento trentennale e i due titolari del Centro non solo insegnano da così tanti anni ma hanno insegnato a più di 10.000 persone. In effetti la paura del galoppo è un problema che affligge vari cavalieri , e non solo principianti. Spesso il problema parte da una brutta esperienza (perdita di controllo- caduta) che può essere dovuta a vari fattori come la richiesta prematura di galoppare da parte di un istruttore incompetente o imprudente o l’affidamento di un cavallo inadeguato alle capacità dell’allievo o un’esperienza da autodidatta che non ha tenuto conto delle difficoltà tecniche o semplicemente può essere dovuta alla casualità di un’incidente a cavallo.

Noi pensiamo che per avere un’esperienza piacevole e assolutamente non traumatica per cavaliere e cavallo sia molto importante affrontare il galoppo quando il cavaliere è veramente in equilibrio e con un cavallo adatto. Il galoppo deve essere un piacere, bisogna sentire che il cavallo scorre in avanti e non aver voglia di fermarlo a ogni falcata per la paura di perdere l’equilibrio o per la paura della velocità, della sgroppata o della perdita di controllo. Fondamentale è la preparazione dell’allievo nella transizione; se la transizione viene eseguita correttamente, nel giusto equilibrio e quindi senza disturbare il cavallo, il cavaliere si sentirà subito più tranquillo perchè sentirsi in equilibrio dà tranquillità e non incita un cavallo a scappare da una situazione non confortevole o dolorosa (cavaliere che sbatte come un sacco di patate o che si aggrappa alle redini tirando con forza nel tentativo di controllare la velocità e ottenendo invece o l’effetto contrario o la perdita dell’andatura).

Noi al Paretaio diamo ai cavalieri tutte le idee possibili, gli esercizi, le sicurezze per raggiungere questo stadio di sicurezza e per permettere al cavaliere di galoppare anche senza l’uso delle redini e delle staffe. Questo è il nostro obiettivo: far sentire al cavaliere che con un cavallo ben addestrato e non disturbato dal cavaliere , il galoppo  è un’esperienza bellissima e non più pericolosa del trotto.

Yoga per cavalieri: Week end e settimane con Yoga al Paretaio

Yoga aprile 2017

 

Durante il mese di aprile sarà possibile partecipare a corsi di yoga anche per principianti assoluti.

La pratica dello yoga è molto indicata ai cavalieri perchè migliora l’equilibrio, insegna molte tecniche di respirazione e aumenta la flessibilità, la forza e la consapevolezza corporea.

Durante le nostre settimane yoga per cavalieri e non cavalieri  organizziamo le lezioni di yoga o prima delle attività equestri o a fine giornata.

E’ possibile organizzare lezioni di yoga anche per periodi inferiori alla settimana.

Le lezioni si possono svolgere o all’aperto (se le condizioni atmosferiche lo consentono) o all’interno.

Forniamo noi i materassini ed eventuali copertine ed  è sufficiente presentarsi con un abbigliamento comodo .

E’ possibile anche fare solo due o tre lezioni: non è necessario partecipare quotidianamente e la prima lezione è di prova.

Per maggiori informazioni sui corsi potete inviarci una mail all’indirizzo info@ilparetaio.it

Riding holiday at Il Paretaio

Imparare a galoppare: ecco come insegnamo a galoppare al Paretaio

Imparare a galoppare.

 

In questi 30 anni di insegnamento presso il mio centro di equitazione Il Paretaio ho appurato che questo che descriverò è uno dei metodi migliori per imparare a galoppare.

Trovo fondamentale che per imparare a galoppare il cavaliere abbia un buon assetto al trotto seduto e leggero. Per quanto riguarda il trotto seduto è importante che il cavaliere  abbia anche accumulato l’esperienza di varie ore di trotto senza staffe in quanto questo è uno degli esercizi più importanti per l’equilibrio e per la discesa nella sella.

Uno degli esercizi che faccio fare ai miei cavalieri prima di galoppare è di trottare sull’inforcatura. Una volta raggiunto un buon trotto con un buon ritmo chiedo di provarmi il loro equilibrio e la loro stabilità anche prendendo le redini con una sola mano e ponendo l’altra mano dietro la schiena.

A questo punto,  appurato che l’equilibrio del cavaliere è buono sia al trotto seduto che al trotto sull’inforcatura, allora chiedo di provare il galoppo partendo da un trotto vivace e chiedendo al momento della transizione al galoppo di trattenere leggermente il cavallo con le redini , di sedersi senza irrigidirsi ma scendendo profondamente nella sella come fatto precedentemente negli esercizi al trotto seduto con e senza staffe e di dare un po’ di gamba esterna arretrata. Prima di tutto ciò però faccio vedere all’allievo un cavaliere esperto che galoppa e gli chiedo di cercare di fissare l’immagine del movimento e di cercare di riprodurre il movimento mentalmente.Per imparare a galoppare questo esercizio di mental training è sempre molto efficace perché permette di imparare il movimento nel modo migliore, con rilassatezza e imitandolo ma senza le difficoltà dovute alla velocità , direzione etc.

Ovviamente per imparare a galoppare è fondamentale che il tutto si svolga in un clima di serenità e sicurezza. Solo un cavallo con un buon galoppo e con una buona indole è adatto a insegnare il galoppo perchè per imparare non bisogna essere bloccati dalla paura di cadere o dalla perdita di controllo.

Al Paretaio crediamo fermamente in questo concetto ed è per questo che abbiamo sempre avuto successo.

Il Paretaio e i suoi cavalli speciali

Il Paretaio è noto per i suoi cavalli speciali

Il Paretaio è noto per i suoi cavalli speciali. Non sono speciali, o meglio, sembrano speciali perchè sono ben disposti nei confronti dei cavalieri ma tutto ciò si crea con un buon addestramento che crea un rapporto di fiducia.

Forse possiamo dire che Il Paretaio è specializzato nell’insegnamento di una corretta equitazione che non può prescindere da una buona comunicazione col cavallo e da una cultura equestre e umanistica.

L’importanza della buona comunicazione per andare bene a cavallo e della risoluzione pacifica dei conflitti è la nostra specialità al Paretaio.

E’ da 30 anni che mio marito ed io gestiamo il centro di equitazione classica Il Paretaio e possiamo dire di avere una certa esperienza di insegnamento: più di 12.000 allievi!

Cavalieri provenienti da ogni parte del mondo, dal Sud Africa, all’Alaska , dalle Haway al Giappone.

Ogni età : dai 2 anni agli 80 e anche oltre!

Ogni livello: dal principiante assoluto sia bambino che anziano al cavaliere esperto, a volte professionista.

Cavalieri provenienti da diverse discipline: dal dressage al salto ostacoli, dal completo alla monta western,  dall’endurance al cavaliere autodidatta e amatoriale.

Una cosa tutti questi allievi hanno sempre in comune: un gran piacere a entrare in comunicazione col cavallo.

Sembra una cosa banale ma non lo è. Entrare in comunicazione con un altro essere vivente è sempre un’esperienza emotiva che, se piacevole, dà grande soddisfazione. Noi partiamo da questo presupposto nell’affrontare i vari problemi didattici sia col cavallo che col cavaliere .Quante volte infatti, a qualsiasi livello ci troviamo ad affrontare coi cavalli problemi apparentemente irrisolvibili? Quante volte semplici accorgimenti portano grandi cambiamenti?

Le soluzioni che troviamo per far andare meglio un cavallo non sono magiche ma logiche. Certamente alcuni cavalieri sono portati per natura o educazione a comunicare in modo più sensibile di altri. Noi riusciamo anche a insegnare questo: a diventare più sensibilI e a imparare ad ascoltare il cavallo. Siamo decisamente propensi a dichiarare che un 70 per cento dei problemi che si riscontrano nasce da una mancanza di ascolto delle reazioni del cavallo o da una incapacità ad ascoltare che nasce da una mancanza di abitudine all’ascolto. Troppo spesso gli allievi vengono iniziati all’equitazione con regole dispotiche dove l’aspetto dominante dell’uomo nei riguardi dei cavalli viene messo come uno degli obiettivi da raggiungere. Ecco, noi non crediamo in questo e i nostri risultati non ci danno certo torto! Noi crediamo in una forma di collaborazione col cavallo che si crea con la calma, la ripetizione, la ricompensa, il rispetto e soprattutto l’amore. Fondamentale nell’addestramento è non solo la scelta di cosa si può chiedere al cavallo in una determinata situazione ma quando, per quanto e come.

Crediamo che il nostro successo ( abbiamo cavalieri che vengono da 30 anni per imparare la nostra tecnica equestre) dipenda proprio dalla semplicità. La semplicità deriva dalla conoscenza.

Jec Ballou, l’autrice di 101 Dressage exercises for Horse and Rider dice di noi…

“Finora ho portato in questo delizioso centro di equitazione due gruppi di cavalieri americani e in più ho scritto un articolo su Il Paretaio su Dressage Today, la rivista equestre americana. Trovo che i proprietari, il team e tutta l’esperienza di vacanza al Paretaio sia un’incredibile fonte di ispirazione per i cavalieri di ogni livello. Qui ti ricordano l’importanza e l’amore del dettaglio e di rendere onore alla leggerezza. Sento di ripartire dopo questa vacanza al Paretaio con con un senso di chiarezza e con un proposito. Infine devo anche elogiare l’esemplare ospitalità e la  qualità della cucina.”

Jec Ballou

So far I have brought two groups of American students to this lovely facility, in addition to writing about it for Dressage Today magazine in the U.S.. I find the owners, staff, and overall experience to be a tremendous rejuvenation of riding inspiration for riders of all levels. Here you are reminded to fall in love with the details, to honor lightness. I find myself leaving with a satiated sense of clarity and purpose. And I should mention that this is all on top exemplary hospitality and cuisine!
Jec Ballou

Outstanding horse riding training at Il Paretaio with the instructor Pietro De Marchi

D’inverno al Paretaio: week end full immersion

In inverno, al Paretaio,  possiamo offrirvi dei week end brevi o lunghi (da 2 a 4 notti) con una vera e propria full immersion nell’equitazione classica che pratichiamo al Paretaio e con l’aggiunta di lezioni di avviamento al salto ostacoli o , per chi già pratica la disciplina, un lavoro sulla precisione nel salto. Un’idea del programma:

Arrivo venerdì sera, cena e informazioni sul programma del giorno successivo

Sabato mattina: breve lezione di teoria – lezione di 1h ora e 30 minuti- considerazioni sullo svolgimento della lezione, commenti e suggerimenti su esercizi utili a risolvere i problemi riscontrati.

Pranzo-

Sabato pomeriggio: lezione di un’ora e mezza – breve lezione di teoria con commenti sullo svolgimento della lezione

Domenica mattina-

Dimostrazione di corretta equitazione

Lezione di un’ora e mezza seguita da riunione con commenti e suggerimenti per migliorare le performance

Pranzo

Domenica pomeriggio partenza o lezioni extra programma-

Persone e cavalli speciali!

Il Paretaio, un posto con persone e cavalli  speciali. Sono stata in vacanza la prima volta al Paretaio , un centro di vacanze a cavallo in Toscana, per Pasqua l’anno scorso e penso non potrò più farne a meno.
Ho trovato persone sia tra gli ospiti che tra lo staff estremamente aperte e gentili e, soprattutto, con l’atteggiamento che ho sempre ricercato nei confronti dell’equitazione.

Qui non si usa mai la totale dominanza sull’animale: non ce n’è alcun bisogno. I cavalli collaborano con serenità e la sensazione è che abbiano sempre voglia di compiacere allievo e istruttore.

Un altro mondo!
Simona – Milano

Fm Grand Prix rider Andrea Mercier comments on Il Paretaio

ll Paretaio is a gem for travelers, horse enthusiasts and seasoned riders alike. 

I am co-owner of Knoll Farm located in New York, where I train horses and teach riders. I have competed at Grand Prix dressage and also competed at advanced levels in show jumping CDI, international competition, hunter/jumpers and equitation. 

I trained in dressage with the previous owner and founder of Knoll Farm, Ann Gribbons, who has recently been inducted into the USDF Hall of Fame for her outstanding accomplishments and contributions to dressage, she was also the Chef d’Equipe, National Coach and Technical advisor for the US Dressage team for the 2012 Olympics.

When I visited Il Paretaio, I was impressed with the skill of the instructors and the quality of the horses. In addition, I enjoyed the warm hospitality and outstanding cuisine. It’s a must go for riders looking to improve their riding skills while savoring the beauty of Tuscany. This is a place for advanced riders and for the novice. Four of my students are regulars at Il Paretaio, and always come back with improved riding skills!

If you are a horse person, it’s a must go!

L’uso della pista interna

Nel lavoro quotidiano soprattutto con i giovani cavalli spesso si utilizza la pista per equilibrare e rettificare il movimento in avanti. Questo può essere anche giusto ma comporta una serie di problemi. Il primo è di carattere psicologico.

Più a lungo il cavallo segue la pista più perde la concentrazione e l’attenzione agli aiuti del cavaliere. In secondo luogo quando si segue la pista il cavaliere tende sempre ad utilizzare maggiormente la gamba interna in quanto all’esterno il cavallo è “contenuto” dalla parete.

Quindi il cavallo si muove si su una linea dritta ma con gli aiuti del cavaliere asimmetrici. Infine questi aiuti asimmetrici creano problemi nel momento in cui si affrontano gli angoli. Una delle soluzioni che adottiamo è quello di lavorare su una linea parallela alla pista.

L’efficacia dell’esercizio è subito evidente. Il cavallo non potrà più appoggiarsi alla recinzione ma, mantenendo il più possibile la stessa distanza dalla parete, avrà comunque un riferimento per procedere su una linea dritta.

Inoltre proprio per mantenere la direzione il cavaliere dovrà equilibrare i suoi aiuti. L’uso delle gambe sarà simmetrico e il cavallo si sentirà più inquadrato.
Anche da un punto di vista psicologico, questo esercizio richiederà al cavallo una continua concentrazione sul lavoro.

Il Paretaio is on Dressage Today!

The article has been issued on the June edition and it has been written by Jec Aristotele Ballou, aithor of 101 Dressage exercises.

…The Il Paretaio experience

Il Paretaio feeels like a home away from home for riders who have steeped themselves in classical dressage…with more than 20 high-quality school horses, it also caters to new or novice riders in addition to advanced dressage students.

Lessons run throughout the day, beginning at 7.30 a.m. with a large pause in the middle to seek reprieve from the heat….Most sessions begin with lateral movements in the walk and then progress to suppling figures at trot and then canter.

Students spend ample time in the beginning of each lesson loosening their horses by riding figures and lateral work in a lively but relaxed walk. This phase of “connecting the horse’s body to your seat and his mind to your mind”, as Giovanni explained it, sets the stage for any training session to be productive.

IMG_2743

In the walk, explains Cristina, considerable learning and progress happen for both horse and rider, but too many riders skip over it in their daily work. When they are too eager to get to the faster movements, they often skip the finest points of dressage. At Il Paretaio, students learn the value of that initial walk period, especially for touring through lateral movements and feeling every stride…

scuderia Il Paretaio

Perché tornarci e perché provarlo per la prima volta

Ci ha scritto il nostro amico Andrea per farci gli auguri dei nostri 28 anni. Lo ringraziamo per le sue bellissime parole e lo aspettiamo per condividere ancora altre esperienze con lui.

Sta per compiere 28 anni, ma l’entusiasmo e la freschezza con cui Il Paretaio ti accoglie è paragonabile a quello di chi ha appena iniziato una nuova avventura e vuole trasmettere tutta la sua passione e voglia di fare per coinvolgerti in un’esperienza bellissima e che spera si possa rinnovare per molti altri anni. Cristina e Gianni sono stati bravissimi nel rendere tutto questo possibile e forse lo stare sempre “en plein air” estate, autunno, inverno e primavera li ha aiutati a conservare e a far trovare all’ospite sempre qualcosa di nuovo a Il Paretaio.

Andrea al Paretaio

Ciò che non cambia, e anzi si rinnova, è lo sfrenato amore per i bellissimi e curatissimi cavalli – vero punto di forza – e l’attenzione con cui vengono “coccolati”. Tutto lo staff, molto preparato e attento, è sempre disponibile alle esigenze degli ospiti siano essi cavalieri che non. Per i cavalieri è da sottolineare come in questo centro si insegnino i fondamentali della monta classica, indispensabili anche per i saltatori (e ora con Pietro vi potrà succedere di riuscire a superare con maggior facilità anche i vostri “ostacoli”…), la leggerezza, il sentirsi parte del binomio cavallo-cavaliere e il rispetto per questi meravigliosi animali capaci di regalarci così tanto. I non-cavalieri, invece, possono trovare la base per escursioni nelle località di maggior pregio artistico in Italia (Firenze, Siena, San Gimignano, Volterra ecc.) e, una volta ritornati in quest’angolo di mondo incantato e magico, un posto speciale fatto di tranquillità, relax in piscina, buona compagnia e, fondamentale, ottima cucina, il tocco finale per prenderti alla gola e non volerti più far andar via… o per lo meno farti ritornare.